Around - TedxCortina
5534
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-5534,_masterslider,_msp_version_2.29.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1400,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.6,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.1,vc_responsive

Performance Art

Giorgio Chinea Canale

Giorgio Chinea Canale torna per il terzo anno consecutivo alla direzione artistica di TEDxCortina. Dopo aver presentato nel 2017 una performance in Galleria Contini e, l’anno successivo, uno spettacolo in piazzetta Dibona, anche l’edizione 2019 di TEDxCortina si aprirà all’insegna dell’Arte Contemporanea. Il gallerista e curatore padovano, da sempre grande studioso di arte relazionale e di performance, anche per questa occasione sceglie la dimensione “pubblica” dell’arte, coinvolgendo il pubblico in un evento di rara intensità: vivere la biografia di un grande artista. La biografia è spesso confinata alle pagine di saggi critici e solo ultimamente è diventata protagonista della documentaristica. Giorgio Chinea Canale ce la propone da una prospettiva inedita: la vita di Pablo Picasso, le sue opere, i suoi cicli artistici narrati da voce, corpo e gesto. Un’esperienza totale e immersiva. La storia che diventa performance.

 

La vita dell’artista sarà anche contestualizzata da una prospettiva narrativa che darà voce al contesto documentaristico, portando in scena la complessità delle vicende che hanno attraversato cinquant’anni di storia. Con uno sguardo attento anche a quelle “relazioni difficili” che l’artista sviluppò con le varie donne della sua vita. Si preannuncia quindi una straordinaria apertura di TEDxCortina 2019 quella di giovedì 22 agosto alle ore 18.00 quando, all’Alexander Girardi Hall, andrà in scena “PABLO_ il peggior nemico della creatività è il buonsenso”, spettacolo di teatro-danza di Valeria Loprieno e con Ludovica Avetrani e Giovanna Rovedo, danzatrice con cui il curatore ha già lavorato più volte nel corso della sua carriera.

 

Spiega Giorgio Chinea Canale: “Ho scelto di aprire a TEDxCortina con questo lavoro perché mi ha emozionato il concetto di biografia, ovvero: raccontare attraverso l’arte la grande storia dell’arte, un’altra delle mie più grandi passioni! TEDx è innovazione, genialità… è il raccontare quelle idee brillanti che hanno cambiato il mondo, perché sono le idee “originali” e i grandi uomini possono cambiarlo”. Titola infatti IOrigine l’edizione cortinense del TEDx 2019. E senz’altro Pablo Picasso si inscrive perfettamente in un contesto di originalità, di origine di un movimento e di un grande IO verso il quale il mondo dell’arte, della cultura, e la storia tutta, sempre sarà debitrice.

PABLO. Il peggior nemico della creatività è il buonsenso

Pablo Picasso fu tra i più grandi artisti del secolo scorso. Un pittore geniale e prolifico, sovversivo, rivoluzionario ma anche difficile ed egoista. Questa performance propone al pubblico un viaggio attraverso differenti periodi artistici della sua vita (periodo blu, periodo rosa, periodo cubista e periodo politico-Guernica. Un viaggio raccontato grazie alle sue parole, alle suggestioni delle sue opere d’arte, e ai ricordi delle donne che lo hanno amato. Muse travolte dalla sua personalità, spesso scivolate in un baratro, divise tra amore e odio. Donne alle quali Picasso ha regalato la fama immortalandole come protagoniste assolute in molte sue opere. Questa performance sarà anche l’occasione per fare un viaggio nella storia dell’uomo e dell’umanità attraversando quasi 50 anni di storia, evidenziando momenti personali e tragedie collettive. Un viaggio che ci racconta la realtà anche attraverso il corpo. Uno spettacolo di teatro-danza, intimo e audace, che rifiuta l’arte fine a sé stessa… così come lo stesso Picasso rifuggiva dalla Pittura d’evasione.

Regia e coreografie: Valeria Loprieno

Di e con: Valeria Loprieno, Ludovica Avetrani, Giovanna Rovedo

Voce: Nicola Balbi

Musiche: AA. VV.

Foto: Giacomo Citro e Fabrizio Iozzo

Progetto: Cantiere Giovani – Nuovi Autori

Produzione: Compagnia Atacama

Installazione – A THOUSAND TREES

L’installazione prevede una scatola 4x4x3, archetipo della stanza e dello spazio quotidiano, dentro la quale viene posizionato un frammento di biotopo alpino. All’interno gli specchi dilatano lo spazio portando l’osservatore ad avere un’esperienza immersiva, visiva e ofattiva, in una foresta infinita. L’obiettivo è di riportare al centro ciò che viene dato troppo spesso per scontato…il bosco.

 

“But it only takes one tree to make

A thousand matches

Only takes one match to burn

A thousand trees”

 

Luogo: Corso Italia – Piazzetta della chiesa

Progettisti: Arch. Marco Cellini | Arch. Giulia Pecol | Arch. Francesco Carraro

Arch. Marco Cellini

Arch. Marco Cellini

Si laurea presso l’Università Iuav di Venezia con una tesi sulla città di Padova. Ha lavorato con Eric Lapierre Experience, Valle Architetti Associati e Ceschia & Mentil Architetti Associati. Dal 2015 porta avanti la sua attività progettuale presso Studio Architetti Cellini.
Arch. Giulia Pecol

Arch. Giulia Pecol

Si laurea presso l’Università Iuav di Venezia con la tesi “La città dei villaggi” che indaga nuovi scenari urbani sostenibili. Collabora con diversi studi a Parigi, Bologna, Venezia e Verona e porta avanti la sua attività progettuale e grafica.
Arch. Francesco Carraro

Arch. Francesco Carraro

Si laurea presso l’Università Iuav di Venezia con la tesi “La montagna attraverso lo sguardo” su piccole strutture montane sostenibili e rivolte verso il paesaggio. Ha lavorato con lo studio Cellini e lo studio Cez e porta avanti la sua attività progettuale.